• Possibilia

È ancora medaglia: «Tolo Tolo» di Checco Zalone

Aggiornato il: mag 23




La differente fattura dell'ultima pellicola di Luca Medici - per l'occasione anche regista - rispetto alle precedenti è evidente. Basta, anzitutto, considerare l'origine del soggetto: Paolo Virzì. Ossia, che piaccia o meno, un autore del cinema nostrano. Dacché, lo spessore cinematografico del tutto rivisitato; non che il processo narrativo cambi radicalmente - l'ironia amara non manca, anzi, abbonda -, ma l'impatto sociale, vista la tematica, non che può che trovarsi raddoppiato. Questa, indubbiamente, la prima mossa vincente, accanto alla scelta, altrettanto strategica, di deviare le sembianze della pellicola con un apparentemente deficitario apparato pubblicitario (Tolo Tolo non ha trailer o clip nel senso ordinario), costituisco esclusivamente dal fuorviante videoclip di Immigrato, il nuovo pezzo in salsa Cotugno di Zalone.


Al di là di ogni considerazione sul botteghino - che per il cinema italiano è però spesso una questione tutt'altro che trascurabile -, Tolo Tolo rappresenta senza dubbio un tentativo. Zalone punta a un'emancipazione della sua comicità irriverente e scomposta, riuscendoci a metà: Checco cade quando rischia di prendersi troppo sul serio; Checco vince quando, pur implementando il suo campionario tematico, resta fedele all'illusoria leggerezza di Quo Vado?. Ecco, pertanto, come la pellicola incespichi dove la battuta è volutamente didascalica e, invece, funzioni quando la comicità non è descrizione, ma narrazione.



Tolo Tolo, a differenza dei precedenti, è tutt'altro che squisitamente comico e per questo dividerà i fan del comico barese. Ma Zalone fa centro ancora una volta, permettendosi sull'onda del successo del film precedentemente, di realizzare una pellicola che è certamente discutibile, ma non liquidabile.




Seguici
  • Bianco Instagram Icona
  • Bianco Facebook Icon

Tutti i marchi, loghi, sigle, brand, immagini non esplicitamente appartenenti a possibilia.it sono dei rispettivi proprietari.

 

È vietata la riproduzione, anche parziale, di immagini, testi, pagine e di ogni componente presente nel sito.

 

©2017 www.possibilia.it - tutti i diritti sono riservati. 

  • Black Facebook Icon
  • Black Icon Instagram