• Possibilia

#Cosedamiamadre - Piccola pausa dalle cose che ti hanno resa famosa


Le tre età della donna, di G. Klimt

Alcune sere non esco. Ti guardo oltre il terrazzo in fondo al divano in salotto, piegata nelle felpe larghe, nei maglioni che non metti per uscire, nell’intenzione di dormire, prima che le stelle si spengano. Ho imparato a conoscerti nei treni che ho perso, nelle spazio delle cose che hai visto soltanto tu. Quando le mani si stringono nel nostro modo di dire anche io.

Ti penso mentre leggi i libri di cui ti parlo, mentre sogni le emozioni che vivo e non hai paura di quello che non dico. E mento, per cercare qualcosa che non ha ancora vissuto nessuno. Non trovo i tuoi occhi. Quando non rispondi al telefono, o mentre provo a spiegarti che non importa se sono lontano.


Da piccolo, sedevo nel bagno con le pareti rosa mentre facevi la doccia. Appoggiavo la schiena al muro. Sentivo l’acqua sbattere a terra. Aspettavo. Davanti alla forma della cucina, steso in giardino, nel carrello della spesa con una micromachine in mano.

Ora infilo la chiave nella toppa dopo le tre. Ubriaco quanto basta nella bolla del tabacco. Avanzo in punta di piedi, cercando la chiave della camera tra le mele e le prugne del canestro in sala. La volta in cui sono entrati i ladri dormivo. Sulla sedia del tavolo pesano quattro giubbotti. Il tuo ordine discreto è andato a farsi fottere. Ma ci penso e pulisco la polvere sulla scrivania, quando non ho la forza per chiederti scusa.


Il cappuccino con il cacao e molto latte. Vivo in un giorno a caso, e tu ti prendi cura anche di quello.

  • Black Facebook Icon
  • Black Icon Instagram
Seguici
  • Bianco Instagram Icona
  • Bianco Facebook Icon

Tutti i marchi, loghi, sigle, brand, immagini non esplicitamente appartenenti a possibilia.it sono dei rispettivi proprietari.

 

È vietata la riproduzione, anche parziale, di immagini, testi, pagine e di ogni componente presente nel sito.

 

©2017 www.possibilia.it - tutti i diritti sono riservati.