• Possibilia

Estetismo sacro. «The New Pope» di Paolo Sorrentino



The New Pope ripete il magmatico generatore di immagini che era stato The Young Pope, consolidando la direzione di Sorrentino verso una fusione di Fellini e Malick. In questa seconda stagione, però, il regista napoletano sviluppa una sceneggiatura più densa, intrisa di sequenze dialogiche, all’interno di cui trovano meno spazio le visioni surreali che avevano caratterizzato la storia di Lenny Belardo, facendo sì che il reale e l’irreale si rincorrano invece di sovrapporsi, quasi creando due storyline parallele. Una scelta che non cade mai nel virtuosismo autoreferenziale, ma trova nella sceneggiatura un argine e una motivazione narrativa alla potenza dell’immagine.


Sorrentino (ri)elabora il presente in due diversi modi: attraverso il ricorso a icone glam, trasgressive come Sharon Stone e Marilyn Manson, e tramite riferimenti all’attualità più cogente. Questa nuova stagione riserva, infatti, una grande attenzione per il movimento di protesta delle suore, stanche di dover sottostare ai dettami del clero maschile. L’intervento risolutivo di Pio XIII è una lezione di femminismo: il vero obiettivo delle rivendicazioni, dice il Santo Padre alle sorelle, non dovrebbe essere quello di ottenere gli stessi privilegi concessi agli uomini, ma di imporre loro le stesse privazioni.



La scelta di sviluppare con il maestro della fotografia Luca Bigazzi un racconto maggiormente stratificato, anzitutto a livello pittorico ed espressivo, trova ragion d'essere nel commovente arrivederci tra Voiello (Silvio Orlando) e Girolamo; Sorrentino adibisce la sua creazione per raccontare del senso ultimo (in teoria) della chiesa: la pietà.




Seguici
  • Bianco Instagram Icona
  • Bianco Facebook Icon

Tutti i marchi, loghi, sigle, brand, immagini non esplicitamente appartenenti a possibilia.it sono dei rispettivi proprietari.

 

È vietata la riproduzione, anche parziale, di immagini, testi, pagine e di ogni componente presente nel sito.

 

©2017 www.possibilia.it - tutti i diritti sono riservati. 

  • Black Facebook Icon
  • Black Icon Instagram