• Possibilia

I maschi de «L'animale che mi porto dentro» di Francesco Piccolo


Gli italiani si voltarono, di Mario De Biasi

Nella storia del Premio Strega solo Paolo Volponi si è aggiudicato due volte il riconoscimento. Ma se non fosse per questo, L'animale che mi porto dentro (Einaudi) di Francesco Piccolo - già vincitore dello Strega nel 2014 con Il desiderio di essere come tutti - meriterebbe la cinquina dei finalisti 2019.


In bilico tra l'andamento saggistico, l'autobiografia, il flusso di coscienza, il racconto di formazione e l'indagine introspettiva, Piccolo scrive un romanzo memorabile, dalla carica dirompente e sovversiva, in grado di denudare autore e lettore.



«questa è una caratteristica fondamentale del maschio in età puberale: bisogna sempre mostrare di sapere già quello che non si sa ancora; quindi se qualcuno comincia a parlarne non bisogna mostrarsi curiosi ma indifferenti, come chi sa bene di cosa si sta parlando. Bisogna far finta di sapere già. E questo porta un doppio risultato: non far scoprire agli altri quello che non sai; e però avere meno informazioni di quante ne vorresti perché non puoi chiedere visto che già sai»

L'animale che mi porto dentro penetra la fisicità e l'animo dell'uomo deliberatamente; c'è una tensione empatica costante nel romanzo di Piccolo, che va a scardinare il mondo del potere maschile - «Il compito che si è dato il desiderio sessuale maschile è costruire di continuo situazioni in cui l’impossibile si trasformi in possibile».


Una miscela di confessioni e ricordi che illuminano un romanzo fuori dagli schemi e dalla narrativa; rivela un testo crudo e inappellabile in grado di ascoltare le sonorità più nascoste. Che scorrono tra la rabbia e la confusione giornaliera, «era esattamente il mio modo di stare al mondo: lasciare andare le cose così».



E per certi versi, una delle frasi più discutibili e al contempo incisive del romanzo pare dialogare a distanza proprio con Fedeltà di Marco Missorili (finalista dello Strega 2019): «la fedeltà non è l’amore, l’amore è l’amore» .

  • Black Facebook Icon
  • Black Icon Instagram
Seguici
  • Bianco Instagram Icona
  • Bianco Facebook Icon

Tutti i marchi, loghi, sigle, brand, immagini non esplicitamente appartenenti a possibilia.it sono dei rispettivi proprietari.

 

È vietata la riproduzione, anche parziale, di immagini, testi, pagine e di ogni componente presente nel sito.

 

©2017 www.possibilia.it - tutti i diritti sono riservati.